OlimpiaSile slogan 900x400

Palasilea , 21-12-2019

L'OlimpiaSile ha giocato alla pari con la Capolista, cedendo la vittoria solo nel finale all'overtime.

Bene i 9 centri realizzati dalla lunga distanza, ma bisogna limitare i falli commessi, questa sera abbiamo concesso ai Veneziani ben 37 tiri dalla Lunetta.
Olimpiasile vs Alvisiana Venezia
82 - 89 dts
23-28 37-41 55-60 72-72 dts 82-89
Coach Martino Schiavinato

Babbo Natale è stato indeciso fino alla fine dei 40 minuti. I due punti avrebbe potuto regalarli ad una sola squadra e decidere chi tra OlimpiaSile e Alvisiana fosse più meritevole di un regalo così importante, ci ha pensato ancora un po',il tempo di giocare altri 5 minuti per il primo supplementare. Vincere sul parquet di casa contro la capolista era un sogno che tutti noi in fondo covavamo e a meno 14 secondi dalla sirena sul 71 a 72 quando Capitan Gabbin dalla lunetta ha avuto i due tiri liberi per il sorpasso, quel sogno abbiamo potuto realmente accarezzarlo. Ma ai noi il secondo tiro si è stampato sul ferro, nell'azione successiva l'Alvisiana non è riuscita a realizzare e la partita è terminata in parità con conseguente overtime. I presenti al Palasilea hanno potuto assistere ad un match incredibile, tanto esaltante quanto tragico per noi, perché se è vero che la squadra Lagunare ha giocato una buona partita condotta in testa dall'inizio alla fine, i Ragazzi del l'OlimpiaSile non hanno mai mollato di un centimetro, sempre a rincorrere ma sempre dando dimostrazione di potercela fare fino alla fine. Serviva la "partita perfetta" e noi ci siamo andati vicino, c'è mancata ancora una volta la gestione finale senza forzature, senza sbavature, la tranquillità di fare la cosa giusta al momento giusto. E cosa dire degli avversari? Chapeau! l'Alvisiana si è dimostrata essere una gran bella formazione, la migliore a mio avviso fin qui incontrata, che dimostra di meritare la posizione in classifica, i ragazzi di coach Scarpa oltre ad avere capacità tecniche ed atletiche si sono dimostrati avversari corretti e leali, abbiamo potuto così assistere ad un match molto bello ed avvincente. Ancora una volta però mi ritrovo a dire peccato! Perché quando abbiamo espresso al meglio le nostre caratteristiche principali ovvero la difesa forte, la corsa in transizione ed il tiro dalla distanza senza forzature, abbiamo dimostrato di poter tenere testa a qualunque avversario. Siamo giovani, uniti, un gran gruppo, basta solo un pizzico di convinzione ed esperienza in più per diventare anche vincenti. Nel primo quarto partiamo determinati, la partita si apre con veloci scambi e con ottime percentuali al tiro per entrambi, la differenza però la fa' la nostra difesa che nel contrastare Le loro azioni commette troppi falli e successivi giri in lunetta agli avversari, cosa che a noi non riesce perché mandiamo in bonus i veneziani solo quando mancano 15 secondi alla prima sirena. La frazione termina 23 a 28. Il secondo quarto è la fotocopia del primo: gioco veloce e percentuali realizzative buone per entrambe le squadre, ai piccoli strappi dei lagunari rispondono prontamente i padroni di casa e lo svantaggio rimane pressoché invariato fino alla fine del quarto, terminato 37 a 41. Nell'intervallo lungo realizziamo che siamo in partita, dobbiamo difendere forte, abbassare le loro percentuali e provare a ridurre il gap senza lasciarli scappare via. Ma l'Alvisiana gioca bene e non permette mai di avvicinarci più di tanto, terminiamo il quarto ancora sotto di 5 lunghezze 55 a 60. Ultimo atto: proviamo a recuperare, aumentiamo pressione ed intensità, commettiamo però ancora troppi falli, e Zavagno e Compagni sono precisi dalla lunetta, il distacco non cambia e per diversi minuti non viene segnato nessun canestro, solo ribaltamenti di fronte senza punti. Poi la situazione si sblocca con l'ingresso in campo per L"OlimpiaSile di Baseggio, utilizziamo maggiormente il tiro dalla lunga distanza e Baz questa sera ha la mano calda, ne infila 3 in sequenza, arriviamo così a ridosso degli avversari fino a giocarci la vittoria nell'ultimo minuto di gara. Ma la partita finisce in parità 72 a 72. Nell'overtime i Ragazzi di coach Schiavinato hanno esaurito oltre i falli a loro disposizione, anche le energie e la lucidità necessaria per portare a termine una partita giocata per 45 minuti con estrema intensità ed energia fisica, l'Alvisiana utilizza i punti segnati su tiri liberi per portarsi in vantaggio e conquistare la vittoria. È stata una battaglia da cui l'OlimpiaSile esce sconfitta ma consapevole che dispone delle armi per combattere alla pari contro tutti, che da partite come questa si esce più maturi e determinati, la strada è quella giusta, dobbiamo proseguire nel nostro cammino di crescita, fa piacere ricevere i complimenti per il bel gioco mostrato, ma vogliamo che dalla prossima volta arrivino anche i due punti. Auguro a tutti a nome dello staff Olimpiasile di trascorrere un sereno Natale e che il Nuovo Anno sia ricco di gioie e soddisfazioni.

Olimpiasile : Callegaro 8,Portello C.6,Gabbin(k)8,Sottana 2,Bergo 9,De Pieri 3,Baseggio 9,Possagno 5,Portello J.17,De Cicco 11,Di Massa 4. All.Schiavinato Ass.Lorenzetto
Alvisiana Venezia : De Nat 15,Battistin,Parisatti 5,Zavagno(k)3,Garzia 9,Vianello Non. 18,Caraffa ne,Toffolo,Ramazzotto 5,Vianello Non. 22,Albano 8,Camporese 4. All.Scarpa Ass.Ragazzi